News
Pubblicato il
Impronta d'artista in Ronco Pitotti
venerdì 29 novembre 2013
  • Impronta d'artista in Ronco Pitotti
 “L’impronta del XVI” è quella recentemente lasciata dall’artista Massimo Poldelmengo nel cuore di
Ronco Pittotti, sulle bellissime colline a Nord di Manzano (Udine). Il Ronco, con i suoi gradoni
estesi ad anfiteatro naturale per 6 ettari, tra boschi e sentieri, è coltivato da Federica Magrini e
Lorenzo Mocchiutti, titolari dei Vignai da Duline, secondo le regole dell’agricoltura “dolce”,
biologica. Lorenzo ha restaurato una ad una le viti e ha posto un’attenzione particolare ai 16 filari di
Pinot nero. Mancava, però, un luogo di sosta e presentazione, una sorta di tavolo, un “altare
profano” per gustare assieme agli ospiti un buon bicchiere del vino prodotto nell’antico Ronco.
Così, secondo il professor Gian Paolo Gri, antropologo dell’Università di Udine che ha letto la sua
relazione durante il rito dell’inaugurazione dell’installazione di Poldelmengo, svoltasi sotto un
cielo di nubi minacciose alla presenza dell’assessore comunale, Lorenzo Alessio; dello storico
dell’arte, Fulvio Dell’Agnese e di tanti amici e collaboratori dei Vignai da Duline; l’artista ha creato
una struttura di ferro altamente simbolica, “una sorta di umbelicus lociche, trattandosi di vino, non
poteva che assumere forma e funzione di mensa emergente dalla vigna, per un consumo da
condividere”.
«Con questo rito abbiamo voluto celebrare un luogo assai significativo per la nostra azienda e la
comunità in cui è attiva – sottolinea Federica Magrini -. Una sorta di vendemmia culturale, dopo
quella dei grappoli del nostro prezioso Pinot nero le cui bottiglie, annata 2009, tra poche settimane
saranno disponibili per la prima volta sul mercato. Con “L’impronta del XVI”, anche il processo
artistico entra nei processi vinicoli incrociando, con pari dignità di senso, linguaggi diversi».
Per celebrare il Pinot nero, orgoglio di Ronco Pitotti, Poldelmengo ha ideato un tavolo metallico
sostenuto da una piramide rovesciata con il vertice conficcato nel terreno e la base d’appoggio
composta da un quadrato di quadrati: 16 filari, un numero intagliato in una piastra quadrata per
ciascun filare e le piastre interrate in vigna, per quattro stagioni, a impregnarsi delle specificità dei
terreni, ora estratte, assemblate e collocate sull’”altare” rugginoso di humus, ben visibile a tutti
lungo il percorso del “Sentiero della Sdricca”. Un punto di natura rigida, ma viva, in continuo
mutamento, dunque, come i vini che qui si producono.


[Per saperne di più...]